di Simona Scacheri

Dall’11 al 13 dicembre, dalle 9 di mattina alle 24 all'interno di Palazzo Rasponi: Rasponi Open Space. Un evento emozionante. Uno di quelli da non perdere. E ora vi spiego perchè:

1. Per la cultura, quella vera
“Ci sarebbe tanto da fare, si può fare di più, povera Italia”... Tutte affermazioni che richiedono rispetto, ma se vogliamo essere obiettivi: vi rendete conto di che patrimonio culturale ha la nostra Bella Italia? Ravenna è una delle eccellenze italiane in tale materia, e in questi giorni ne dà prova. Onora la cultura ravennate, e di conseguenza italiana. E a ragione direi. (Qualcuno soffre mica della sindrome di Stendhal?).

2. Per vivere la storia di Ravenna
Palazzo Rasponi dalle Teste è a disposizione dei suoi cittadini. Qui la storia del XVIII secolo, qui le testimonianze rimaste della famiglia Rasponi di Ravenna, qui potete visitare e godere di quello che è uno dei palazzi monumentali più prestigiosi della città.

3. Perché i sensi sono appagati, tutti
Non intendo farvi una manfrina storica-filosofica sull’appagamento dei sensi in ambito culturale con le teorie rinascimentali e gli studi di Winckelmann (anche perché i ricordi dei miei studi universitari sono, come dire, confusi?)... In sintesi traduco i miei pensieri così: ma vi rendete conto che visiterete mostre, ascolterete letture, vedrete danzare, assaporerete musica o vivrete la visione di corti e il tutto nella cornice suggestiva di Palazzo Rasponi?

4. Per lo spettacolo delle arti performative
Vi è mai capitato di vedere incursioni vere e proprie di danza contemporanea? A me sì, e dopo aver riempito l’Iphone di filmati, obbligato mia mamma a sostare in piazza del Popolo per circa 2 ore e mandato le foto alle amiche più care che “non potete sapere che spettacolo assurdo ho visto oggi”... Ho capito che si tratta di un’arte con ancora un seguito troppo basso rispetto alle emozioni che regala. Per me.

5. Perché si commenta, dal vivo
Tante le occasioni di letture, conferenze e confronti. Spesso tendiamo a dimenticare che in ogni conferenza c’è un momento aperto al pubblico: finalmente si può commentare dal vivo e non solo su facebook.

6. Per vedere loro fare e crescere
Parlo dei bambini! Presenti laboratori dedicati proprio ai più piccoli a cui è offerta l’occasione di crescere, imparare, conoscere. Sì, ma a loro non ditelo. Per loro è solo divertimento.

7. Perché più di 40 eventi in 3 giorni...
Non vi sembrano una buona ragione per emozionarsi?

Last modified date: 02/12/2015